Street Art: da Ostiense a Roma 70

Dopo il nostro speciale sulla street art al Quadraro, non poteva mancare all’appello Ostiense: quartiere in trasformazione e serbatoio di nuove energie culturali. Nel nostro viaggio (fine aprile 2014) ci muoveremo anche oltre i confini del quartiere, facendo un salto a Testaccio per ammirare la gigantesca lupa, e spingendoci fino a Roma 70 dove nuovi colori ravvivano il quartiere.

ostiensestreetart_roma70_3

Via Galvani: la lupa

Cominciamo subito dalla lupa di Testaccio, un pò perchè venendo dal centro la troverete prima di raggiungere Ostiense, un pò perchè è recentissima e sta facendo discutere parecchio. L’omaggio alla lupa capitolina dell’artista belga ROA, una figura di oltre 20 metri che domina la strada che ospita sia il nuovo Mercato di Testaccio che il Macro, non è certo il rassicurante tributo alla romanità che gli abitanti avrebbero desiderato. Ma è innegabile che questo enorme luposorcio che incombe sul palazzo come fosse King Kong o Godzilla è una vera opera d’arte moderna.

Lupa di Testaccio

La gigantesca lupa capitolina che domina il palazzo di via Galvani, a Testaccio

Via delle Conce: Rising Love e legnami Blasi.

Eccoci a Ostiense, dove possiamo cominciare il giro proprio da via delle Conce. Dai due lati della strada, abbiamo l’ingresso del Rising Love curato da Sten e Lex, e l’ampio muro della legnameria Blasi (del brasiliano Herbert Baglione).

Via Ostiense: sottopasso

Questo brutto sottopasso, è un pò il simbolo della street art di Ostiense (e abbiamo centrato qui l’epicentro del nostro percorso). All’interno troviamo parecchie decorazioni, alcune delle quali ispirate agli “ospiti celebri” del vicino museo acattolico, come il poeta Shelley o Gramsci.

Via Pellegrino Matteucci: Fronte del Porto

Appena oltre il sottopasso, sulla sinistra. Da molti anni questa ex caserma dell’Aeronautica è un luogo occupato. Blu ha fatto un enorme lavoro nel 2013 decorando la facciata su entrambi i lati, usando le finestre come occhi per le sue facce aliene. E’ uno dei lavori più conosciuti, sia per le dimensioni sia perchè siamo ad un incrocio frequentatissimo. Dal vivo l’impatto è molto più impressive che in foto.

ostiensestreetart_frontedelporto

Fronte del Porto

Via del Porto Fluviale: il nuotatore

Via del Porto Fluviale è un pò il simbolo della rinascita di Ostiense, dove stanno aprendo giganteschi ritrovi serali come Al Porto Fluviale e La Dogana. Proprio sopra quest’ultimo si trova il Nuotatore (Agostino Iacurci, 2011).

Il nuotatore

Il nuotatore di via del Porto Fluviale

Via del Commercio: Gazometro

Il Gazometro è il re del quartiere, con la sua inconfondibile sagoma. Sul suo muro perimetrale troviamo sia la lunga scritta Paint over the Cracks, di Kid Acne, che la decorazione di questa palazzina ad opera dell’americano Momo.

ostiensestreetart_gazometro1

Via dei Magazzini Generali: Wall of Fame

I sessanta metri del rosso Wall of Fame di JB Rock sono ormai conosciuti da tutti. E sul muro di fronte (in blu) Sten e Lex ci regalano il loro Black and White Power.

Via Libetta e via del Cavalcavia Spizzichino.

Questa via è un pò il “divertimentificio” della zona, con i suoi tanti locali e pub concentrati dietro il palazzo della Prefettura. E poco distante parte la via che sale sul modernissimo cavalcavia Spizzichino: quando ci siete sopra potete guardare l’ex sede Atac che ora si mimetizza perfettamente con il cielo nuvoloso.

Via Ostiense: Alexis

Sempre a opera di Blu, precisamente in via Ostiense 122, e ormai andiamo verso San Paolo, abbiamo le automobili incatenate tra loro che si mostrano sulla facciata del centro sociale Alexis dedicato alla memoria dello studente ucciso Alexis  Grigoropoulos.

Centro sociale Alexis

Centro sociale Alexis

Roma 70: Scuola Dalla Chiesa e via Rigamonti

Chiudiamo in bellezza con due lavori recentissimi e ottimamente realizzati, anche se siamo un pò fuori percorso. Siamo a Roma 70, quartiere dormitorio conosciuto prevalentemente per il centro commerciale I Granai (uno dei primi di Roma). Una è l’esterno della scuola media Dalla Chiesa fatto dall’artista sardo Tellas, la “testa rossa” invece la trovate poco dopo il centro commerciale, sul lato destro.

Leggi anche il nostro speciale sui murales di Tor Marancia


libri che parlano di roma

1 comment

  1. Pingback: Salvarsi la pelle... con l’arte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *