giubileo roma 2015

Speciale Giubileo a Roma

Col Giubileo della Misericordia ormai iniziato è d’obbligo fare un ripasso generale di tutti i luoghi santi che Roma offre a cittadini, turisti e pellegrini. Sono così tante le chiese, le catacombe, e i luoghi di interesse religioso che è facilissimo (e anche interessante) perdersi tra così tante meraviglie, ma noi cercheremo di aiutarvi in questa bellissima impresa.

Una curiosità:  durante il Giubileo è tradizione attraversare almeno una Porta Santa, che a Roma hanno solo: San Pietro, San Giovanni in Laterano, San Paolo fuori le mura e Santa Maria Maggiore e vengono aperte esclusivamente per questo evento e poi richiuse. Il primo a varcare le porte sarà ovviamente Papa Francesco, l’8 dicembre, dando inizio al Giubileo 2015/16.

giubileo roma 2015

Il Giubileo comincia da San Pietro

Visitare San Pietro a RomaDi sicuro ogni visita a Roma che si rispetti deve includere la Basilica di San Pietro, sia per il suo valore universale e centrale in questo Giubileo della Misericordia, sia perchè, che siate credenti o meno, questo è uno dei posti più belli del mondo. Non troverete mai una concentrazione di arte e cultura di questo livello nel resto del mondo occidentale. E ovviamente una visita ai vicinissimi Musei Vaticani e alla Cappella Sistina sono praticamente un obbligo così come una passeggiata dentro e intorno a Castel Sant’Angelo: la fortezza papale per eccellenza. E se riuscite, provate a scendere nella sottostante Necropoli Vaticana: un vero tesoro che pochi conoscono!

Il giro delle Sette Chiese di Roma

san paolo fuori le muraSan Pietro è anche il fulcro del Giro delle Sette Chiese, ovvero le tappe percorse dai pellegrini di notte, usualmente prima della festa di San Filippo Neri. Le altre chiese sono l’imponente Basilica di San Paolo fuori le mura, un pò distante dal centro ma che vi consentirà di allargare i vostri orizzonti anche ai quartieri storici di Testaccio e Garbatella. Poi San Giovanni in Laterano, splendida cattedrale di Roma, e l’adiacente Scala Santa.  Quindi avrete da visitare San Lorenzo fuori le mura, la grande Santa Maria Maggiore (poco distante dalla Stazione Termini),  Santa Croce in Gerusalemme con le sue reliquie e quindi San Sebastiano fuori le mura (lo sapevate che ospita l’ultima opera del Bernini?) e le catacombe sottostanti.

Altre chiese di Roma da non perdere

santamariavittoria2Ovviamente non si ferma qui la vostra visita alle chiese di Roma, e se siete appassionati d’arte non potrete mancare Santa Maria della Pace, unica chiesa al mondo che può vantare affreschi di Raffaello, San Luigi dei Francesi con le splendide opere del Caravaggio, che ritroviamo anche nella maestosa e centralissima Chiesa Nuova, anch’essa legatissima al nome di San Filippo Neri,  o la bellissima Santa Maria del Popolo, proprio in Piazza del Popolo, celebrata recentemente in Angeli e Demoni insieme a Santa Maria della Vittoria con l’Estasi di Santa Teresa appena restaurata. Tutte queste chiese sono nel centro di Roma quindi non avrete nessuna difficoltà per raggiungerle.

Mosaici di Santa Prassede a RomaNel caratteristico Rione Monti avrete invece modo di ammirare mosaici antichissimi di chiese piccole ma gigantesche a livello storico, come la meravigliosa Santa Prassede, gioiello che ci riporta ad atmosfere bizantine, e la vicina Santa Pudenziana (le due giovani martiri erano sorelle). Se invece siete a Trastevere, non mancate una visita a Santa Cecilia, con la sua cripta affascinante e il sottosuolo di epoca romana. Se possiamo fare altri due nomi, sempre per gli appassionati delle chiese romane più antiche, vi indirizziamo a colpo sicuro verso Santo Stefano Rotondo (al Celio) e a San Clemente: una chiesa talmente antica da offrire diversi livelli sotterranei, che arrivano fin nel cuore dell’antica Roma.

Le catacombe dei primi cristiani

roma_macabra_catacombeSe il Giubileo è un’occasione per riscoprire anche gli albori della cristianità, dei primi santi e martiri, e comprendere come si svolgeva la loro vita in quei tempi difficili, non esiste altra città come Roma per raccontare questa storia. Le catacombe di San Sebastiano sono tra le più famose di Roma (insieme a quelle quasi attaccate di San Callisto e a quelle vicinissime di Santa Domitilla),  circondate dal magnifico panorama dell’Appia Antica. O le catacombe di Priscilla, che si estendono per 13 chilometri sotto la via Salaria, a Roma Nord. Poi noi abbiamo un debole per quelle di Marcellino e Pietro, sulla Casilina, poco battute dai turisti ma in grado di offrirci gli affreschi catacombali più belli del mondo.

Santuari e luoghi di devozione popolare

madonnepreneste5Il popolo romano è molto attaccato anche ad una forma di cristianità spontanea e appunto, popolare. Tutti conoscono il grande Santuario del Divino Amore, meta di continui pellegrinaggi. Ma visitate anche il Santuario di Tre Fontane (vicino alla famosa abbazia sorta sul luogo dove pare venne decapitato San Paolo), dove apparve la Madonna nel 1947. Piccoli esempi di devozione popolare si trovano anche nel muro degli ex voto di Largo Preneste, con le sue tantissime targhe affisse per grazia ricevuta, e in una sconosciuta “capanna” di Torpignattara.

Ovviamente queste sono solo alcune indicazioni per il vostro personale percorso del Giubileo, perchè le chiese e i luoghi religiosi a Roma sono centinaia e centinaia. Il nostro suggerimento è quello di affiancare la visita delle “cose imperdibili” a quella dei piccoli tesori nascosti, perchè vi è possibile incontrare un’atmosfera più raccolta e meno affollata, che favorirà la spiritualità del vostro viaggio a Roma.

E dato che siamo a Natale, scoprite anche cosa vedere a Roma a Natale,  cosa vedere a Roma in un solo weekend, i luoghi di Roma amati da Papa Wojtyla o il nostro percorso su come visitare Roma gratis. Buon Giubileo 2015 a Roma!


libri che parlano di roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *