San Sebastiano e l’addio di Bernini

sansebastiano1

Entrare nella Basilica di San Sebastiano significa tuffarsi avventurosamente nel “mare magnum” della storia di Roma. “S.Sebastiano fuori le mura”, così denominata in quanto esterna alle Mura Aureliane, fa inoltre parte del famoso itinerario delle “Sette Chiese”. La sua ambientazione è assai suggestiva: si trova sulla via Appia Antica, “regina viarum” che collegava la Città Eterna al fondamentale porto di Brindisi. Respiriamo qui l’atmosfera più antica ed autentica di Roma. Sempre su questa via, attorno al 70 a.C. furono crudelmente crocifissi migliaia di schiavi che avevano partecipato alla rivolta di Spartaco; in epoca medievale divenne conosciuta come la “via dei crociati”, i quali poi da Brindisi si imbarcavano alla volta della Terra Santa da liberare.

sansebastiano6

Anche la Basilica partecipa da protagonista alla plurimillenaria storia di Roma. Fu fatta erigere da Costantino nel IV secolo sopra le catacombe che ospitavano i corpi degli Apostoli Pietro e Paolo, poi trasferiti, ed il corpo di S.Sebastiano che in un secondo momento darà il nome alla Basilica.

Vita di San Sebastiano

Val la pena spendere alcune parole sulla sua vita. Sebastiano, istruito nella fede cattolica fin da bambino, ebbe una folgorante carriera come militare romano, sino a divenire tra gli uomini fidati dell’imperatore Diocleziano. Approfittando della sua elevata posizione, Sebastiano fece il possibile e l’impossibile per salvare i cristiani dalle contemporanee persecuzioni; ma venne scoperto e Diocleziano, che odiava ferocemente il Cristianesimo, lo fece condannare a morte per idolatria e tradimento. Condanna eseguita tramite il famoso supplizio delle frecce, che non gli fu però fatale. Infatti fu creduto morto e abbandonato dai soldati, e così una donna, Irene, potè medicarlo; quindi Sebastiano si ripresentò a Diocleziano per testimoniare la potenza di Dio, con grande sconcerto dei presenti, e ricevette il definitivo martirio attraverso la fustigazione.

sansebastiano3

sansebastiano2La facciata della chiesa si presenta sobria ed insieme elegante, di stampo rinascimentale pur essendo del ‘600. Una volta dentro, potete apprezzare il soffitto a cassettoni, in cui tramite la suggestiva tecnica dell’altorilievo un angelo e S.Sebastiano sembrano quasi staccarsi dalla parete e animarsi di esistenza propria su un ulteriore piano.

Alla vostra destra incrocerete lo sguardo del Cristo “Salvator Mundi” di Bernini e difficilmente resisterete alla tentazione di osservarlo subito; concedetemi però di parlarne in conclusione di articolo, ve ne dirò poi la ragione.

Sulla sinistra ecco presentarsi il fulcro della Basilica, il suo centro spirituale nonostante la collocazione decentrata: l’altare dedicato a S.Sebastiano, con le reliquie del santo. In una splendida statua di Giorgetti, il santo è disteso come sul letto di morte, colpito dalle frecce. Difficile dire se sia agonizzante o già spirato, la bocca socchiusa sembra voler celare il segreto; ma potente è la sensazione di abbandono in Dio sprigionata da Sebastiano, come suggellata da quella mano riposta sul petto, sopra al cuore. Sebastiano si abbandona a quel medesimo Dio cui ha dedicato la propria vita, e dopo aver vissuto per amore, per amore muore.

sansebastiano4

Alla vostra destra troverete poi l’interessante Cappella delle Reliquie: secondo la tradizione essa conserva tra le altre cose spine della corona di Cristo, una costola di S.Pietro, un dente di S.Paolo ed una delle frecce che trafissero Sebastiano. In primissimo piano le celebri impronte del “Quo Vadis”, che apparterrebbero a Cristo, apparso a S.Pietro per predirgli il martirio.

sansebastiano5

In fondo a destra troverete la Cappella Albani, tripudio barocco con graziosissime statue, progettata dal grande artista barocco Carlo Maratta.

Ma desidero concludere questo nostro itinerario, come promesso, con il “Salvator Mundi” del Bernini. E’ evidente la mano del maestro: le pieghe del manto paiono di raso tanto sono ben fatte, il volto di Cristo è di una serenità olimpica e nella mano destra sembra benedirci proprio qui e ora, davanti ai nostri occhi.

sansebastiano7

E’ un Cristo amorevole, che facilmente possiamo percepire come Salvatore del mondo e nostro. E’ con questi sentimenti di tenerezza e devozione che deve averlo scolpito Gian Lorenzo Bernini. Si tratta della sua ultima opera, terminata quando aveva ben 82 anni, e come disse lui stesso la realizzò “per sua devozione” in quanto Cristo era “il suo beniamino”.

Personalmente mi tocca il cuore pensare che quest’uomo, il più celebrato artista del ‘600, il prediletto di quattro Papi e di tutti i nobili, come ultimo gesto della propria vita abbia voluto scolpire un’opera soltanto per la propria anima, come un segreto tra Dio e lui, perché da Gesù si attendeva la salvezza. E mi piace immaginare che Gian Lorenzo, alla soglia dell’altra vita, abbia trovato Cristo ad aspettarlo, con quella posa benedicente con cui lui lo aveva immaginato.

Continua la visita leggendo la nostra recensione delle sottostanti catacombe di San Sebastiano


libri che parlano di roma

1 comment

  1. Pingback: UNA COLONNA | La Nuova Era

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Warning: file_get_contents(): php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /home/romadvis/public_html/wp-content/plugins/most-shared-posts/msp-fetch.php on line 179

Warning: file_get_contents(http://urls.api.twitter.com/1/urls/count.json?url=http%3A%2F%2Fwww.romadvisor.it%2Fescape-room-campo-dei-fiori-uscite-se-potete-8862): failed to open stream: php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /home/romadvis/public_html/wp-content/plugins/most-shared-posts/msp-fetch.php on line 179

Warning: file_get_contents(): php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /home/romadvis/public_html/wp-content/plugins/most-shared-posts/msp-fetch.php on line 179

Warning: file_get_contents(http://urls.api.twitter.com/1/urls/count.json?url=http%3A%2F%2Fwww.romadvisor.it%2Fham-holy-burger-quando-ipad-fa-lhamburger-8819): failed to open stream: php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /home/romadvis/public_html/wp-content/plugins/most-shared-posts/msp-fetch.php on line 179

Warning: file_get_contents(): php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /home/romadvis/public_html/wp-content/plugins/most-shared-posts/msp-fetch.php on line 179

Warning: file_get_contents(http://urls.api.twitter.com/1/urls/count.json?url=http%3A%2F%2Fwww.romadvisor.it%2Fstoria-damore-al-ghetto-ebraico-8825): failed to open stream: php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /home/romadvis/public_html/wp-content/plugins/most-shared-posts/msp-fetch.php on line 179

Warning: file_get_contents(): php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /home/romadvis/public_html/wp-content/plugins/most-shared-posts/msp-fetch.php on line 179

Warning: file_get_contents(http://urls.api.twitter.com/1/urls/count.json?url=http%3A%2F%2Fwww.romadvisor.it%2Fstreet-food-al-mercato-di-testaccio-8800): failed to open stream: php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /home/romadvis/public_html/wp-content/plugins/most-shared-posts/msp-fetch.php on line 179

Warning: file_get_contents(): php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /home/romadvis/public_html/wp-content/plugins/most-shared-posts/msp-fetch.php on line 179

Warning: file_get_contents(http://urls.api.twitter.com/1/urls/count.json?url=http%3A%2F%2Fwww.romadvisor.it%2Fbunker-villa-torlonia-8774): failed to open stream: php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /home/romadvis/public_html/wp-content/plugins/most-shared-posts/msp-fetch.php on line 179

Warning: file_get_contents(): php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /home/romadvis/public_html/wp-content/plugins/most-shared-posts/msp-fetch.php on line 179

Warning: file_get_contents(http://urls.api.twitter.com/1/urls/count.json?url=http%3A%2F%2Fwww.romadvisor.it%2Fil-caminetto-qualita-dal-1959-8712): failed to open stream: php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /home/romadvis/public_html/wp-content/plugins/most-shared-posts/msp-fetch.php on line 179