A Roma, piovono polpette!

Non potevo che intitolare cosi l’articolo, la tentazione era troppo forte. D’altronde un locale che si chiama Polpetta, come altro poteva essere introdotto?

Ci troviamo in zona Ostiense, a due passi dal Gazometro, quartiere ormai sempre in prima fila nel panorama gastronomico romano ed il locale, aperto recentemente (rispetto alla data dell’articolo),   intitola così: Polpetta, cucina & miscelazione.
Cosa ci si deve aspettare è piuttosto scontato ma allo stesso tempo ci si ferma a pensare come effettivamente sia mancato, fino ad ora, un posto dedicato a questa bella parentesi della nostra cucina: le polpette.
Il menù, semplice e chiaro, è tutto dedicato a valorizzare la polpetta nelle sue diverse forme, ma può variare rispetto a quanto riportato sul sito, quindi suppongo cambi di tanto in tanto.

Si parte dagli antipasti, dove la polpetta è servita sostanzialmente fredda, o almeno quelle che ho provato, in abbinamenti giusti per lo scopo. Personalmente ho provato delle saporite polpette di pecorino su letto di rucola e delle polpette di mortadella con pistacchi e crema di parmigiano.

Si passa ai primi, una manciata, dove si strizza l’occhio sia alla tradizione rivisitata, come i paccheri all’amatriciana con guanciale e polpettina di pancetta, sia a quella d’oltre mare, come nei
mitici meatballs spaghetti (ma non aspettatevi le stesse dimensioni). Personalmente ho provato degli ottimi gnocchi di patate con polpettine di gamberi e zucchine alla julienne.

A questo punto si entra nel vivo del menu con i numerosi piatti a base di polpette propriamente dette. Ecco quindi le classiche di carne, quelle cacio e pepe. quelle in salsa di pomodoro, quelle con sugo all’amatriciana, quelle inserite in mini burger o quelle di scottona, ben cucinate e saporite. Non mancano le varianti vegetariane, come quelle di melanzane (provate entrambe, molto buone) e di mare, come quella al salmone.

Alla voce Polpette dal Mondo, si potranno provare un paio di proposte con polpette rivisitate in ottica più esotica, come quelle di manzo in salsa teriyaki con riso al vapore, provate e spazzolate e per chi preferisce si può optare anche per qualche insalata (dove qualche polpetta la troverete comunque).

La conclusione dell’esperienza culinaria passa ovviamente per la versione dolce delle polpette, con polpette di ciocciolato (buone), al cheescaek e di ricotta, giusto per citarne qualcuna.

Volendo dare un idea delle porzioni, considerate che la maggior parte dei piatti comprendono circa 7 pezzi, di medie dimensioni. Per permettere una più ampia degustazione ogni voce del menù (tranne i primi) prevede anche una portata per due persone con numerose polpette a disposizione (10 totali). Gli antipasti invece prevedono tre pezzi per piatto.

I prezzi sono in linea con il quartiere, non particolarmente bassi ma accettabili, una porzione di polpette classiche (7 pezzi) sta intorno agli 8,50 €.

Il personale è gentile e disponibili e il locale pulito, moderno e confortevole, con alcune sedie particolarmenti…morbide e usciti si rimane soddisfatti per aver provato una cucina diverdente (e ben fatta), leggera (le porzioni sono giuste e non esagerate) e saporita.


libri che parlano di roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *